Tutti i merletti irlandesi si svilupparono ad imitazione di quelli europei. Il Carrickmacross ha una certa affinità tecnica con il merletto Limerick, entrambi sono lavorati su un fondo a rete fatto a macchina. Esso consiste nell'applicare mediante ricamo a punto cordoncino, ritagli di mussola sopra un fondo in tulle meccanico.

Intorno al 1840 la produzione fu rinnovata non solo nell’ornato ma, in particolare, nella sostituzione del fondo a rete con uno a barrette di solito lavorate a "punto festone".

Si sviluppò intorno al 1820 e il suo stile derivò dai modelli dei merletti italiani, raccolti da Miss Grey Porter, moglie del rettore di Donaghmoyne - un villaggio a poche miglia da Carrickmacross - durante la luna di miele, trascorsa in Italia nel 1816.

La signora Grey, come altre signore del suo rango, vide in quest'arte un modo per assicurare lavoro e quindi sopravvivenza alle giovani donne della campagna irlandese, per cui insieme alla sua domestica, insegnò ad un gruppo di ragazze la tecnica in applicazione, copiando i lavori italiani.

Per approfondimenti,

Cfr. D. Campbell Preston, Needle-made Laces and Net Embroideries Reticella Work, Carrickmacross Lace, Princess Lace and Other Traditional Techniques, New York, 1984.
Arnaldo Caprai Gruppo Tessile Srl
s.s. Flaminia km 148 – 06034 Foligno - Perugia – Italy

© 2017 - REA 222120 - P.iva 02507670541
Telefono: +39 074239251
Fax: +39 0742 679242
info@caprai.it
    © Copyright Caprai 2017